• Home
  • CRONACA
  • Il Toro "vede" l'Europa. Novara sconfitto a Siena

Il Toro "vede" l'Europa. Novara sconfitto a Siena

Ciro Immobile

Milano - Finisce 1-1 l'ultimo anticipo del sabato della 22esima giornata di Serie A tra Milan e Torino. I granata agganciano temporaneamente l'Inter a 33 punti in classifica al quinto posto, che, se il campionato finisse oggi, significherebbe qualificazione in Europa League.

Parte subito forte il nuovo Milan a trazione anteriore targato Clarence Seedorf ma i granata tengono bene, anzi approfittano di un eccessivo sbilanciamento in avanti dei rossoneri per passare in vantaggio al 19' con Immobile, che raccoglie un lancio di Moretti scattando sul filo del fuorigioco, dribbla Bonera e infila Abbiati per lo 0-1. Passano dieci minuti e il Torino sfiora il raddoppio: cross di Cerci e colpo di testa di Farnerud che finisce poco alto. Brividi per Abbiati. Il Milan reagisce rabbiosamente e fa la partita per tutto il primo tempo senza concedere più spazio ai granata. L'offensiva rossonera continua nella ripresa e arriva subito il pareggio: al 4' un preciso diagonale da fuori area di Rami, leggermente deviato da Glik, beffa Padelli. Il Milan cerca la terza vittoria consecutiva per il rilancio in classifica, ma trova di fronte a sè un super Padelli che salva la sua porta in varie occasioni. Ci ha provato il Torino a fare il colpaccio a San Siro e alla fine esce indenne da un campo dove non vince da 29 anni. Ventura preferisce non parlare di Europa, ma è evidente la soddisfazione per la prestazione dei suoi uomini. Ormai è chiaro: dopo anni di purgatorio, il Torino è tornato tra le grandi.

Alessandro Calori

Siena - 23esima giornata del campionato di Serie B. Nulla da fare per il Novara di Calori, sconfitto di misura al "Franchi" di Siena. Certamente, per quanto visto in campo, il risultato è bugiardo. Meritavano di più gli azzurri, scesi in campo con la consapevolezza di poter bissare il successo di una settimana fa contro l'Avellino. Grazie ai nuovi arrivi, Crescenzi e Lambrughi in difesa, Sansovini in attacco; grazie al nuovo ruolo da playmaker di una bandiera azzurra come Marco Rigoni, il Novara sembra cominciare a carburare, assimilando sempre meglio gli schemi e il nuovo modulo dettati dal suo allenatore. Manca la continuità di risultati e questo può creare un po' di amarezza, ma il desiderio della squadra è di uscire al più presto dalle zone basse, e calde, della classifica. Lunedì 10 febbraio gli azzurri saranno impegnati nel posticipo del lunedì: al "Piola" arriva il Brescia e i tre punti sono tassativi.

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.