• Home
  • CRONACA
  • I “giorni della merla” porteranno neve e basse temperature su Torino

I “giorni della merla” porteranno neve e basse temperature su Torino

Immagine tratta da 3bmeteoSe ci eravamo illusi che il bel tempo potesse andare avanti a oltranza ci eravamo sbagliati. Infatti, proprio come vuole la tradizione, stiamo per addentrarci nei famigerati “giorni della merla”, ovvero gli ultimi 3 giorni del mese di gennaio, che secondo la credenza popolare sarebbero i più freddi dell’anno. E in effetti così sarà. Infatti l’intera penisola italiana sarà ben presto colpita da un vortice d’aria fredda proveniente dall’ artico.

Tra le città che risentiranno maggiormente di tale repentino abbassamento delle temperature vi sono Torino e Milano, oltre alle città dell’ Emilia Romagna e del Veneto. Il primo freddo potrebbe già raggiungerci, secondo i meteorologi, già tra domani e mercoledì 29 gennaio 2014, quando l’aria fredda polare marittima proveniente dal Nord Atlantico farà irruzione nel bacino del Mediterraneo alimentando una prima perturbazione a cui farà seguito la formazione di un vortice ciclonico. Proprio il 29 gennaio tra è stato infatti denominato, da molti esperti del settore, come il “giorno della grande neve” che raggiungerà anche le basse quote e la pianura, imbiancando quindi anche lo stesso capoluogo piemontese.

La neve continuerà a scendere abbondantemente anche nella giornata di giovedì non solo a Torino, ma su tutto il Nordovest, colpendo imbiancando anche l’Emilia e le Alpi. Venerdì, invece, grazie ai venti di scirocco che faranno gradualmente innalzare le temperature, si assisterà a una tregua, anche se su Torino continuerà a piovere. Nella prima settimana di febbraio il tempo continuerà a restare instabile in città, mentre già per venerdì 7 febbraio è prevista una nuova nevicata.

Prepariamoci dunque ad accogliere l’inverno vero, d’altronde era inevitabile che arrivasse. Da oltre 10 anni non si avevano temperature così miti al nord nel mese di gennaio, un’anomalia quindi alla quale in poche ore sarà posta fine. Intanto nei giorni freddi sarà allarme gelo per le coltivazioni. 

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.