• Home
  • CRONACA
  • Il Tar annulla il Consiglio regionale del Piemonte

Il Tar annulla il Consiglio regionale del Piemonte

roberto cotaIl Tar del Piemonte ha accolto il ricorso dell'ex Presidente della Regione, Mercedes Bresso, contro il risultato delle elezioni del 2010. 
"Occorre fare più attenzione alla materia elettorale: è la cosa più importante della vita democratica di un paese, e spesso viene messa in difficoltà", ha affermato Bresso dopo la sentenza del tribunale regionale.
Secondo il Tar è necessario tornare al voto perchè le scorse elezioni sono viziate da irregolarità.

LA VICENDA

La lista "Pensionati per Cota" ha permesso di vincere le elezioni regionali del 2010 al candidato leghista Roberto Cota con circa 27mila voti contro la sua diretta concorrente, il Governatore uscente Mercedes Bresso.
La vicenda vede protagonista Michele Giovine, divenuto consigliere alla regione e poi sospeso per la conseguente condanna a due anni e otto mesi nel maggio del 2012 per falsificazione delle firme, 17 delle 19 firme dei candidati della lista Pensionati erano false, alcune messe in calce per la candidatura in diversi comuni dove sia Giovine che il padre erano consiglieri comunali.
Il risultato delle elezioni secondo la magistratura è stato falsato, lo scarto tra i due pretendenti era di circa 9mila voti e avrebbe permesso alla Bresso, seppur con un lieve scarto di voti, di vincere le elezioni regionali.

"Giustizia è fatta. E ora non ci sono più alibi: Cota e la sua giunta si dimettano subito e si vada a maggio alle elezioni. Sergio Chiamparino sarebbe l'uomo giusto per ridare autorevolezza e credibilità al Piemonte", afferma Federico Fornaro, senatore del Pd, non è dello stesso parere il segretario della Lega Matteo Salvini, che ha postato su Facebook un chiaro commento: "giudici e sinistra, anche quando perdono, riescono a vincere. Un attacco alla democrazia, ecco di cosa si tratta", ancora, "altro che mutande! Forse a qualcuno hanno dato fastidio i 30 mln di risparmio secco, all'anno, dei costi della politica in Regione. Forza Piemont, forza Lega, continuiamo a lavorare".
Secondo il capogruppo di Forza Italia alla regione Piemonte, Luca Pedrale, è stata messa in discussione solo la lista dei "Pensionati per Cota" senza contare quelle della Bresso, "Non si può andare contro la volontà popolare. Faremo ricorso al Consiglio di Stato...se ci saranno delle elezioni anticipate non ci spaventa. I sondaggi danno comunque sempre in vantaggio il centrodestra".

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.