• Home
  • CRONACA
  • Intervista al ragazzo aggredito in corso Svizzera a Torino da una baby gang: ''ho paura a uscire da casa''

Intervista al ragazzo aggredito in corso Svizzera a Torino da una baby gang: ''ho paura a uscire da casa''

Dopo l’articolo sull’aggressione subita da un adolescente in corso Svizzera da parte di una baby gang, la vittima ha deciso di raccontarci l’accaduto. Si tratta di un’intervista rilasciata da Omar, nome di fantasia scelto per privacy e sicurezza della stessa vittima, un ragazzo di 16 anni di origine rumena che continua, dopo più di un mese, a non sentirsi sicuro nel quartiere in cui vive. Omar, dopo aver denunciato l’aggressione, è anche stato minacciato di morte. Per lui è stato molto importante rilasciare questa intervista al fine di evitare che la sua brutta esperienza possa accadere a qualcun altro.

Di seguito il racconto: Erano circa le 19:45 di un sabato di fine novembre e stavo andando a mangiare fuori con gli amici per festeggiare un compleanno. Ero appena uscito di casa e camminavo in corso Svizzera ascoltando la musica con le cuffie. Camminavo tranquillo, quando ho visto due ragazzi che stavano venendo verso di me. Quando ci siamo incrociati mi ha tolto un auricolare della cuffia e mi ha toccato la spalla dicendomi "scusa mi fai fare una chiamata?" Ho risposto di no e mi stavo allontanando. uno di loro mi ha afferrato per il braccio dicendomi che andava bene anche l'addebito, ma io non ho risposto e cercavo di allontanarmi. È stato in quel momento che uno di loro mi ha tirato per un braccio dicendomi "o me lo dai tu [n.d.r. il telefonino] o ce lo prendiamo noi”

Omar, quanti erano gli aggressori? Come hai reagito?

Ho reagito solo a spintoni… All’inizio erano in 2 e mi hanno chiesto di seguirli, me ne stavo andando, quando mi hanno trascinato in una via secondaria prendendomi a schiaffi. Intanto cercavo di riprendermi il telefono. A quel punto ho spinto uno di loro e l'altro mi ha puntato un coltello dicendomi di fare il bravo mentre mi prendeva tutto quello che avevo in tasca. Dopo mi hanno costretto a seguirli, a furia di schiaffi e spintoni, al parco Dora. E' proprio li che si sono aggiunti gli altri due

Secondo te, quale è l’età degli aggressori? Erano italiani o stranieri?

Penso dai 18 ai 20 anni… 3 mi sembravano italiani, mentre uno era sicuramente straniero straniero

Tu invece, quanti anni hai? Sei italiano?

Ne ho 16 e non sono italiano, ma rumeno…

Hanno mostrato atteggiamenti razzisti?

Si, al parco dora mi hanno insultato in tutti i modi… non me la sento di riportare le parolacce che mi sono state rivolte

Pensi che ti abbiano scelto casualmente come vittima o per via della tua nazionalità?

In realtà penso per il fatto che mi vesto bene…

Tornando al parco Dora, cosa è successo quando siete arrivati li?

Allora, gli altri due hanno chiesto chi ero e quelli che mi hanno bloccato per strada hanno raccontato loro che mi avevano derubato. Di li hanno iniziato in 3 a prendermi a schiaffi e insultarmi, mentre uno di loro faceva finta di proteggermi… mi ha alzato da terra e mi ha chiesto scusa per i suoi amici, poi ha provato a farmi cadere di nuovo, ma non riuscendoci mi ha tirato uno schiaffo... a quel punto uno di loro mi ha detto “ma che belle scarpe che hai”, poi mi ha chiesto il numero che, a quanto pare, corrispondeva al suo. Mi ha preso le scarpe e, deridendomi, mi ha dato in cambio le sue rotte…

In che modo si è conclusa l'aggressione?

Mi hanno picchiato fino a quando non ho detto il codice del telefono, poi hanno chiamato un taxi e se ne sono andati… hanno portato via il cellulare, le scarpe e i soldi che avevo nel portafoglio

Qualcuno ha assistito all’aggressione?

No, non c'era nessuno per strada, nessuno... Guardavo ogni secondo per vedere se passava qualcuno, anche in macchina, ma sembrava che proprio in quel momento tutti avessero deciso di restare a casa... Per strada c'erano alcune telecamere, spero che la polizia riesca a controllare le riprese…

Cosa hai fatto quando sono andati via?

Ho visto la protezione civile nel parcheggio del centro commerciale e mi sono avvicinato tremando. Ho riconosciuto le divise perché ne facevo parte anch'io... Penso che si siano spaventati quando mi hanno visto così… Ho chiesto se potevano chiamare la polizia. Sono stati gentilissimi… mi hanno soccorso e  mi hanno aiutato a calmarmi…

Poi? Sei andato in ospedale? E' arrivata un'ambulanza? E' arrivata la polizia?

Si, sono arrivate 2 volanti della polizia e un'ambulanza, ma ho preferito non andare in ospedale poichè sono rimasto dentro l'ambulanza per circa un’ora e mi era passato tutto…  Avevo soltanto qualche graffio e poi stavano arrivando i miei genitori… immaginavo già lo spavento che si erano presi quando li hanno chiamati, non volevo che si spaventassero oltre. La polizia ha cercato di rintracciarli ed è stato chiamato anche il taxi che li aveva portati via, ma sono svaniti...

Come hanno reagito i tuoi genitori?

Mi hanno calmato, erano preoccupati e volevano soltanto che io stessi bene…

Hai paura quando esci o torni a casa?

Si, ogni giorno e da quando sono stato aggredito esco molto meno…  Tra l’altro mi hanno fermato di nuovo due settimane fa, ma sono riuscito a scappare. Uno di loro aveva ai piedi le mie scarpe... L’ho segnalato alla polizia. Li vedo sempre nelle vicinanze di corso Svizzera, specialmente nel tardo pomeriggio. Qualche settimana fa hanno provato a rapinare anche un mio amico che, essendo a conoscenza di quanto mi era accaduto, è scappato. Ma non è il solo… l'altro ieri ho conosciuto un ragazzo che è stato accoltellato tre volte perché non ha voluto dare il telefono a questi...

Aggrediscono solo ragazzi della tua età?

Generalmente si, ma una ragazza mi ha raccontato che le hanno rubato 50 euro mentre prendeva le sigarette dalla macchinetta, poi sono scappati...

Cosa consiglieresti ai tuoi coetanei che vivono nel tua stesso quartiere?

di non restare mai da soli...

Cosa pensi di Torino come città?

Ci vivo da 3 anni e penso che non sia più un posto sicuro. Ormai stanno prevalendo i drogati e le persone girano con il coltellino… non si può andare avanti così, non mi capacito del fatto che non posso uscire alle 8 di sera da casa senza dovermi guardare alle spalle

Torneresti in Romania?

No, quello no. Non per un motivo in particolare, ma ho tutti gli amici qui, sto passando i momenti di cui mi ricorderò per sempre con loro e non mi farò scoraggiare. Mi piace studiare informatica e qui ho davvero tante opportunità e, anche se tutto dice di andare via da qui, Torino rimane per me una città bellissima

Molte persone hanno dei pregiudizi nei confronti degli stranieri, cosa pensi della comunità rumena a Torino?

Non nego che alcuni siano davvero delinquenti, ma la maggior parte siamo più educati di tanta altra gente. Dipende tutto dai genitori, ma ogni paese ha i sui “frutti marci”… sono stato rapinato da 3 italiani! Della comunità in generale penso che il problema siano i grandi perché l’educazione di un ragazzo è data dall'ambiente in cui cresce, non dal Paese in cui nasce

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.