• Home
  • CRONACA
  • Torino, dipendente Iveco truffa la propria azienda per 2 milioni di euro

Torino, dipendente Iveco truffa la propria azienda per 2 milioni di euro

Valigia di banconote. Fonte Flickr, utente loungerie.Una bella trovata. Perlomeno fin quando va tutto bene.Per un’azienda, sia per quelle di piccole dimensioni che per quelle di dimensioni maggiori, un elemento fondamentale è potersi fidare dei propri dipendenti. Capita però che questa fiducia venga tradita. Il caso che è stato scoperto in questi giorni rappresenta l’estremizzazione di un rapporto lavorativo incentrato sulla truffa. Una nota azienda italiana, l’Iveco, è stata pesantemente raggirata da un suo dipendente che ha causato un danno alla fabbrica automobilistica torinese da qualche milione di euro. Il giovane M.C. di 30 anni che si occupava della vendita di mezzi industriali destinati ad esposizioni e mostre  aveva il compito di “piazzare”i mezzi al miglior prezzo possibile.

La truffa messa in atto dal giovane dipendente

In realtà il dipendente cercava di far entrare nelle casse della sua azienda il meno possibile. Vi starete chiedendo perché. La risposta è semplice. I veicoli venivano in realtà venduti ad un prezzo irrisorio a due società nel varesotto riconducibili allo stesso infedele dipendente (erano intestate alla madre del ragazzo). Il mezzi venivano poi venduti al loro prezzo reale a privati cittadini con guadagni che potevano arrivare anche al 120%Basti pensare che per un furgone Iveco venduto a 18mila euro le società truffatrici potevano arrivare ad incassare ben 75mila euro, circa 4 volte tanto.

Ben 2 milioni di euro in azioni confiscate alle due società

Questo giochetto continuo ha portato un danno di qualche milione di euro alla nota azienda di veicoli commerciali. Il raggiro è stato scoperto dal nucleo della Polizia tributaria di Torino con la coordinazione del pubblico ministero Valerio Longhi. Tutte le persone coinvolte nel raggiro sono state denunciate per truffa e per concorso in truffa. I finanzieri hanno altresì proceduto ad effettuare accertamenti sulla contabilità delle società sequestrando oltre 2 milioni di euro in azioni.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.