Torino, pm violentata dall'ex compagno

Gambe donna legate. Fonte Flickr, utente Christi Nielsen.Il copione è sempre lo stesso. Storie d’amore finite, sentimenti non corrisposti, disperazione per aver perso la persona amata.

Spesso si perde di vista la realtà o semplicemente si perde la testa, compiendo dei gesti al di fuori dell’umana comprensione. La storia accaduta a Torino ha visto i fatti svolgersi esattamente in questo modo. Una donna magistrato che opera nel capoluogo piemontese proprio come pubblico ministero è stata per diverso tempo oggetto delle azioni incontrollate dell’uomo che non si rassegnava alla fine della loro storia. Per mesi ha, così, continuato a perseguitare la donna, con appostamenti, insulti e tutto ciò che è ascrivibile allo stalking. In una delle sue serate di follia l’individuo avrebbe addirittura costretto la donna ad un rapporto sessuale chiudendola in macchina.

Il processo a Milano, con applicazione delle nuove norme "anti-femminicidio"

Il processo a carico dell’ex compagno è in corso a Milano, luogo dove hanno luogo le arringhe che hanno come parte lesa pubblici ministeri torinesi. L’accusa è chiaramente quella di stolking e violenza sessuale. Nel processo si applicheranno, ed è una delle prime volte, anche le nuove norme “anti-femminicidio” stabilite dal parlamento. Il Pm di Milano, Cristina Roveda, inserirà, dunque, come elemento aggravante la relazione affettiva che è intercorsa tra l’uomo e la donna vittima. Inoltre sempre secondo le nuove normative per gli spostamenti dell’imputato è necessario il benestare della parte civile, ovvero dei difensori della donna. L’uomo, che si trovava agli arresti domiciliari in una casa di cura e che aveva chiesto tramite il suo avvocato difensore, Giampaolo Zancan, il trasferimento presso la residenza familiare, ha visto respinta l’istanza. La difesa ha però avuto in seconda battuta il benestare da parte del tribunale ma con una limitazione: l’uomo non potrà recarsi a lavoro durante il giorno. Il 13 Gennaio prossimo ci sarà il prosieguo dell’udienza in cui la donna esporrà la sua versione dei fatti.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.