• Home
  • CRONACA
  • Biella, fine del progetto contro la dispersione scolastica

Biella, fine del progetto contro la dispersione scolastica

È fissata per mercoledì 11 dicembre a di Città Studi Biella la giornata conclusiva di “Dedalus. Meno dispersione, più occupazione: innovare l’orientamento scolastico”, progetto sperimentale dedicato all’utilizzo della narrazione per contrastare la dispersione scolastica. Dedalus è il titolo del romanzo giovanile di James Joyce e del suo protagonista che ha ispirato un progetto innovativo, rivolto ai ragazzi tra i 13 e i 14 anni che, esattamente come accade al giovane Dedalus, attraversano una fase complessa dell’età, in cui improvvisamente si chiede loro di crescere, affrontare la vita e compiere scelte importanti.

Il progetto Dedalus è stato finanziato dal bando Interreg Italia-Svizzera 2007-2013 – programma comunitario volto a favorire la cooperazione transfrontaliera in ambito economico, ambientale e incrementare la qualità della vita in ambito sociale e culturale – e si chiude con successo dopo due anni di lavoro. Dedalus è stato patrocinato dalla Regione Piemonte attraverso il sostegno dell’Assessorato all’Istruzione e dell’Assessorato al Lavoro e Formazione Professionale.

Mercoledì 11, alle ore 16, si svolgerà il Seminario tecnico per la condivisione dei risultati, destinato agli insegnanti e ai formatori.  Parteciperanno: Città Studi Biella, capofila italiano e referente unico di progetto, l’Alta Scuola Pedagogica dei Grigioni, capofila svizzero e i due partner al progetto, la Scuola Holden di Alessandro Baricco e il Dipartimento di Psicologia dell’Università degli Studi di Torino.

Al progetto Dedalus hanno partecipato 324 studenti italiani e svizzeri appartenenti a 12 classi della provincia di Biella e 4 classi del Cantone dei Grigioni, iscritti al 3° anno della scuola secondaria di primo grado nell’anno scolastico 2012-13 e che sono stati accompagnati nel percorso di orientamento da scrittori e da counselor. In Italia la dispersione scolastica è al 18.8% contro il 14.1% dell’Europa. L’obiettivo di Bruxelles per 9oil 2020 è portarla al 10%. Dedalus vuole essere un modello per cambiare questi numeri.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.