• Home
  • CRONACA
  • Torino multietnica: il 15,6% della popolazione è straniera

Torino multietnica: il 15,6% della popolazione è straniera

La Moschea di Torino, ©Copyright ANSANell’epoca a della globalizzazione anche Torino, una delle città più capitali europee, registra un alto tasso di presenze straniere. Non si tratta di turisti o semplici “forestieri”, come avrebbero detto in altri tempi, ma di persone che scelgono il capoluogo piemontese come città in cui vivere. Sono diverse le nazioni da cui arrivano, ma il tasso di presenze straniere a Torino si è quasi triplicato nel giro di due anni. A oggi, i cittadini stranieri residenti a Torino sono 141.830, circa il 15,6% dell’intera popolazione, mentre nel 2011 erano soltanto 53.976. Un trend dunque in crescita che vede nella città della Mole una popolazione multietnica. Il 57% degli stranieri giunge a Torino da nazioni extra Unione Europea, mentre il restante 43% arriva da paesi comunitari. Ma alcuni di loro, specie i più piccoli, si sentono italiani. Infatti, ben il 14% degli stranieri è nato in Italia.

1 residente su 6 è straniero. A rivelare questa situazione sono i dati raccolti, analizzati e presentati dall’Osservatorio Interistituzionale sugli stranieri in Provincia di Torino curato dalla Prefettura. Proprio il nuovo Prefetto di Torino, la Dottoressa Paola Basilone, sottolinea inoltre un aumento di studenti stranieri in città. Difatti, gli iscritti al primo anno negli atenei piemontesi che provengono dall’estero sono circa il 9% del totale, mentre 10 anni fa erano soltanto il 2%. Un fenomeno molto importante per Torino che mira sempre più ad affermarsi come capitale della cultura.

Tornando alla popolazione straniera residente a Torino c’è da dire che si registrano delle presenze di vere e proprie comunità di cui la più grande è quella romena, che rappresenta il 57% del totale. A seguire vi sono poi il Marocco, con l’11%, l’Albania, con il 6,3%, la Moldavia, con il 3%, e la Repubblica Popolare Cinese, con il 2,4%. In verità, le richieste di concessione di cittadinanza registrate nel 2012, circa 2.600, sono lievemente diminuite rispetto all’anno prima.

La situazione è eterogenea nella Provincia di Torino, dove vi sono dei comuni ad alta densità di popolazione straniera. Il Comune con il più alto tasso di residenti stranieri è quello di Pragelato, con il 30%. A seguire vi sono poi Cuorgnè con l’11%, Carmagnola con il 10% e Chieri con il 9,8%. E pensare che a Torino, fino a qualche decennio fa, venivano considerati stranieri coloro che dal meridione arrivano in città per lavorare nei grandi stabilimenti.

Copyright © TorinoFree.it, il blog di Torino e hinterland IT13181390157 MILANO TORINO PAVIA RIMINI


Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.