Furti da “oscar” a Torino

Eventi diversi, ma con la medesima dinamica: rapina con ostaggio. Potrebbero sembrare scene da film, ma sono accadute realmente in questi giorni a Torino. Ieri, 11 novembre 2013, in corso Matteotti, nel pieno centro di Torino, due ladri hanno fatto irruzione in una filiale della banca Carige attraverso il primo piano di un edificio adiacente, dal quale sarebbero poi riusciti a entrare nella banca da un ingresso laterale. Il tutto per riuscire a sfuggire ai metal detector che avrebbe allarmato gli addetti alla sicurezza. Una volta dentro, avrebbero preso in ostaggio un dipendente, che prestava servizio allo sportello, facendosi consegnare il contenuto di una cassetta di sicurezza. Di li la fuga con il bottino. All’esterno vi era infatti un complice ad attenderli a bordo dell’automobile con la quale si sono poi dileguati. Sotto shock  il dipendente usato come ostaggio e poi lasciato a terra prima della fuga. Scarso invece il bottino, quantificabile in poco più di 4 mila euro.

Un episodio simile si era registrato la scorsa settimana nel quartiere Barriera di Milano a Torino. Un uomo, armato di coltello si era infatti recato in una farmacia prendendo in ostaggio uno dei clienti che vi erano all’interno per acquistare dei farmaci. In quell’occasione, minacciando sia il cliente che i farmacisti, il malvivente era riuscito a farsi consegnare l’incasso della giornata, circa 800 euro. Non aveva però preso in conto la presenza delle telecamere di sorveglianza che ne hanno immortalato l’immagine. Due giorni dopo era stato infatti arrestato dai Carabinieri della Stazione Regio Parco di Torino, grazie al riconoscimento del ladro da parte di un maresciallo a bordo di una volante che lo ha visto passeggiare proprio nelle vicinanze della farmacia rapinata. L’uomo, un pregiudicato 41enne di Torino, è stato arrestato per rapina aggravata.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.