Tartrà: il budino salato piemontese

tratraLa tartra o tartrà è una specie di budino salato, preparato con ingredienti poveri e di semplice esecuzione. Le sue origini si perdono nella storia della cucina piemontese: tra gli storici della gastronomia è opinione diffusa che la tartrà sia nata dall’incontro tra la abitudini alimentari saracene e le nostre in un’epoca compresa tra il 900 e l’anno mille. "L’uomo è ciò che mangia" (Ludwig Feuerbach)

 

Difficoltà

Livello 1

 

Tempo

30 minuti


Ingredienti per 4 persone
  • 1/2 l di latte
  • 4 uova
  • 2 dl di panna
  • Parmigiano
  • 1 cipolla
  • 50 g. di burro
  • rosmarino, salvia, alloro
  • sale
Varianti o note

La tartrà può essere accompagnata da diverse salse di verdura come la salsa ai peperoni o la salsa di zucca.

Il vino giusto

Si consiglia un vino bianco gentile, come la Favorita delle Langhe o il Vermentino di Sardegna.


Preparazione

Sciogliere il burro in un pentolino con le erbe aromatiche e la cipolla, tritati grossolonamente. 
Aggiungere la panna e cuocere per qualche minuto a fuoco basso.
 Salare, filtrate il composto e lasciare intiepidire. 

Sbattere le uova e i tuorli in una ciotola con il parmigiano e il latte leggermente tiepido.
 A questo punto incorporare il composto con la panna e il burro.

 Versare il tutto in stampini imburrati e cuocere le tartrà a bagnomaria in forno, a 180° per circa 30 minuti.

Ricordiamo che chiunque volesse, può contribuire con la propria ricetta (o variante) ad arricchire di delizie la rubrica inviandole tramite l'apposito form di contatto.

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.