• Home
  • CRONACA
  • World Master Games: Torino si prepara per il bis

World Master Games: Torino si prepara per il bis

World master games 2013Il sindaco di Torino, Piero Fassino afferma: "Con il presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota, abbiamo convenuto d'incontrare all'inizio di settembre i sindaci dei siti olimpici della Valle di Susa e del Pinerolese per avviare la programmazione delle gare dei "Giochi over 2015" per le discipline invernali." Il successo e il gradimento di pubblico dei World Masters Games dimostra il valore sportivo, culturale e turistico di questo evento e ci rafforza altresì nella volontà di replicare il successo con i "Winter World Masters Games 2015".

Replica il sindaco di Sestriere, Capra: "Questa presa di posizione di Fassino alla cerimonia di apertura dei Giochi estivi ci fa ben sperare". Il Piemonte ha già conquistato l’edizione del marzo 2015. Ad aprile a Londra l’International Masters Games Association ha assegnato i Giochi mondiali degli over 35 alla Val di Susa dopo la prima esperienza a Bled in Slovenia. Coinvolti i Comuni di Sestriere, Bardonecchia, Cesana, Claviere, Pragelato, Pinerolo, Sauze d’Oulx. E Torino? Nel capoluogo, oltre alle gare del ghiaccio, si dovrebbe tenere: la cerimonia di chiusura, mentre la cerimonia di apertura toccherà a Sestriere. La candidatura è stata avanzata, oltre che dai Comuni olimpici, dalla Regione e dalla Provincia, attraverso Turismo Torino, e il dossier ha battuto quelli di Calgary, Oslo e Tarvisio.

Il format è identico, i numeri ridotti rispetto dell’edizione estiva: poco più di 6 mila persone, tra atleti, appassionati e accompagnatori. Nove giorni di gare e 18 discipline. Bugdet dai 2 ai 3 milioni di euro.

World Master Games 2013

Intanto le gare torinesi proseguono regalando sempre sorprese e personaggi. Ad esempio la squadra genovese di Chiavari (Genova), unico team italiano femminile impegnato ai Giochi per atleti Over 35 di Torino composta da  Giuliana Raggi, Nicoletta Sabino e Vera Brandi cestiste dell'Alcione Master Girls.
L'Alcione, raccontano, è una squadra storica del basket femminile del Tigullio: abbraccia infatti due città, Rapallo, dove è nata, e appunto Chiavari, dove è poi stata trasferita. E a dimostrazione che fanno le cose sul serio, spiegano che la società ha un'organizzazione capillare: un allenatore, innumerevoli sponsor , un'azienda che cura la comunicazione sul web e il sostegno del Comune di Rapallo, città europea dello sport 2014, e del Panathlon International.

"Abbiamo investito tanto nel basket nella nostra vita" rileva Giuliana, la capitana, classe 1947, preside in pensione.
Nicoletta è la più giovane, 50 anni, e di mestiere fa l'architetto. Guarda il calendario e se la prende con gli organizzatori: "Ci hanno messo le partite in tutti i giorni tranne che la domenica, il giorno in cui siamo tutte libere dal lavoro". Ma pazienza, si riuscirà anche questa volta a incastrare l'ufficio con la passione sportiva.
Perché "vogliamo spaccare il mondo" ripetono. Anche se l'esordio con l'Estonia non è stato dei migliori, ora c'è subito l'occasione del riscatto contro il Canada. Quindi bisognerà affrontare Russia e Giappone.

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.