• Home
  • CRONACA
  • Violento nubifragio paralizza Torino e provincia

Violento nubifragio paralizza Torino e provincia

nubifragio_torinoUn violento nubifragio si è abbattuto questa mattina su Torino e provincia. A partire dalle ore 8.30 pioggia intensa e vento si sono abbattuti sulla città, provocando diversi danni e bloccando il traffico mattutino.

L’intensa perturbazione è durata 20 minuti ed ha abbassato drasticamente la temperatura afosa degli scorsi giorni. Numerosi gli alberi abbattuti, e diverse le strade allagate con conseguenti ingorghi della circolazione affollata di quanti si stavano recando al lavoro,  i tuoni hanno mandato in tilt gli allarmi di negozi e abitazioni richiedendo numerosi interventi dei vigili per verificare la situazione.

In corso Tirreno la violenza dell’acquazzone ha fatto cadere un ponteggio di un cantiere edile, ma è stato accertato che non ci sono stati feriti. Un uomo  di 53 anni che era sul suo balcone è stato ricoverato in ospedale dopo essere stato colpito alla testa da una tegola staccatisi dal palazzo di fronte, mentre una ragazzina di 11 anni è caduta in una voragine improvvisamente apertasi a Strada del Francese, per fortuna la giovane è rimasta illesa. 

 Allagato anche ilmercato di corso Spezia ed  in collina un albero è caduto abbattendo i fili della luce elettrica, numerosi allagamenti hanno creato gravi problemi alla viabilità, specialmente in corso Valdocco e in corso Regina Margherita. Altri alberi sono caduti in città bloccando la linea 3, e la fermata Bernini della metropolitana è stata chiusa. Annullati anche alcuni voli in partenza all'areoporto di Caselle Torinese. A Rivoli, un automobilista rimasto bloccato in un sottopasso con  l’auto rimasta sommersa dall’acqua si è messo in salvo a nuoto, ed a Orbassano numerosi gli alberi abbattuti.

Il nubifragio ha poi portato disagi anche sulle ferrovie a causa dei numerosi rami sui binari da rimuovere, con ritardi dei treni anche fino ad 80 minuti.

Nei prossimi giorni però è previsto l'arrivo di una nuova andata di caldo intenso.

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.