• Home
  • CRONACA
  • Sesso e passione in villa. Sfiorata la tragedia

Sesso e passione in villa. Sfiorata la tragedia

Sembrerebbe una tipica storia da film. Invece no, è accaduto realmente in una elegante villa della collina torinese. Sono due i protagonisti: il giardiniere, la vittima, e la cameriera, l’artefice del gesto estremo. I due lavoravano infatti in un’abitazione prospiciente su corso Moncalieri a Torino, il lungo Po verso la collina. Da qualche mese tra lo­ro era esplosa la passione, una relazione tenuta segreta per diversi motivi. Da una parte per i datori di lavoro, dall’altra, ragione più importante, perché il giardiniere in questione sarebbe sposato e con figli. Ciononostante la storia, fatta di sguardi, incontri fugaci e passionali, ha insospettito proprio i titolari. Proprio il nobile gentiluomo, proprietario della villa, avrebbe infatti chiesto al giardiniere, come riporta il quotidiano CronacaQui, di troncare la relazione con la cameriera, definendola inopportuna. E così è andata. La cameriera, dal canto suo, sentendosi umiliata e offesa, sedotta e abbandonata, ha deciso di fargliela pagare. In un incontro successivo ha infatti sferrato al giardiniere una serie di coltellate, cercando di sgozzarlo e farla finita per sempre: una vendetta da copione. L’uomo è però riuscito a scappare, sanguinante, mettendosi in salvo e chiamando le forze dell’ordine che sono subito intervenute. Fortunatamente ha solo riportato lievi ferite alla spalla e all’addome. Lei, la cameriera 51enne, è stata portata via con la forza nel commissariato di Borgo Po dove dovrà rispondere dell’accusa di tentato omicidio, formalizzata proprio in queste ore dal sostituto procuratore Alessandro Aghemo. Insomma una storia d'amore ai limiti dell'impossibile che ha sfiorato la tragedia grazie al perfetto tempismo delle forze dell’ordine.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.