• Home
  • CRONACA
  • Lettera minatoria per Berlusconi e Napolitano

Lettera minatoria per Berlusconi e Napolitano

Berlusconi e NapolitanoBuste e minacce. Intimidazioni alla polvere per attentatori improvvisati con difficoltà ortografiche e lessicali.
Prima a "Il Giornale" poi alla sede de "Il Corriere della Sera", le lettere intimidatorie non risparmiano nemmeno le alte figure istituzionali del paese, presi di mira il Presidente Napolitano e l'ex premier Silvio Berlusconi vittime, solo a parole, della comminatoria chiusa in busta accompagnata da una strana polvere grigiastra.

"Berlusconi Senatore a vita...Saranno assassinati Berlusconi e Giorgio Napolitano. Il traditore della Patria"

La firma in auge è del "Gruppo armato a difesa del popolo", una fantomatica organizzazione rivoluzionaria a sfondo terroristico che punterebbe a colpire lo Stato assassinando i traditori della Patria in difesa del Popolo.

La lettera inviata al Giornale il 27 Maggio coincide con la revoca, da parte del Ministro Alfano il giorno prima, della scorta a Sallusti, il vicedirettore del quotidiano Nicola Porro "Ci hanno fatti uscire a uno a uno e ci hanno buttato addosso della candeggina per poi metterci dentro a una stanza isolata".
La seconda lettera minatoria arriva in redazione anche Corriere il 28 Maggio, con annessa dichiarazione del Gruppo.

In concomitanza con le ultime udienze del processo Stato-Mafia, che collegano personaggi quali Napolitano per le intercettazioni con Mancino, Berlusconi per le amicizie interessate con personalità quali Dell'Utri e Mangano, che lo stesso ex Premier definì un eroe ma che Borselino in un'intervista a Canal Plus (televisione francese) accusò di essere lo stalliere della villa di Arcore con un forte ascendente mafioso.
Per ora entrambe le lettere sono passate in consegna all'Asl e al nucleo Nbcr dei Vigili del Fuoco per un'attenta analisi dei componenti chimici.

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.