• Home
  • Notizie
  • Servizi
  • Torino, trasporto nelle smart city: 'fare rete nello scambio di dati e buone pratiche'

Torino, trasporto nelle smart city: 'fare rete nello scambio di dati e buone pratiche'

Smart CityAltissima adesione al seminario Smart City e sicurezza stradale organizzato dallOsservatorio Nazionale delle Autonomie Locali sulla Sicurezza Stradale Anci-Upi, e svoltosi questa mattina a Torino presso Sala Colonne del Palazzo Civico. Un centinaio i partecipanti alla giornata di lavori tra cui molti rappresentanti dei comuni piemontesi tra cui Alessandria, Ivrea e Chivasso. Presenti anche rappresentanti del Comune di Milano, della Provincia di Torino e della Regione Piemonte.

Nel corso del seminario, moderato dalla giornalista del quotidiano La Repubblica, Federica Cravero, e focalizzato sui principali contenuti della direttiva europea sui sistemi di trasporto intelligente, è emersa l'importanza di fare rete e mettere a sistema le informazioni a disposizione della polizia locale, in coordinamento con le amministrazioni e gli uffici tecnici preposti alla rilevazione e condivisione dei dati.

Conditio sine qua non per la realizzazione di efficienti Smart City in Italia è il recepimento della direttiva europea in tema di trasporti e la divulgazione di buone pratiche, modelli da replicare su tutto il territorio nazionale.

Logo AnciPer migliorare e rendere più smart le città bisogna puntare in prima battuta sul rapporto con i cittadini e intercettare le esigenze delle persone e i mutati cambiamenti culturali in tema di mobilità, ha detto Claudio Lubatti, assessore alla Viabilità, Infrastrutture, Trasporti, Mobilità e Politiche per lArea Metropolitana del comune di Torino. A suo parere, nello scambio puntuale delle informazioni va incardinato anche il proficuo rapporto con le forze dellordine e conseguentemente lefficienza della polizia locale nel reprimere le anomalie del trasporto e al contempo educare con messaggi chiari i cittadini al rispetto delle regole della strada.

Opinione condivisa da Enzo Lavolta, assessore allInnovazione, Sviluppo, Ambiente, e Presidente Fondazione Torino Smart City, che ha puntato lattenzione sul tema della qualità della vita e la messa in rete, da parte degli enti locali, delle politiche orizzontali relative alle città intelligenti come cardini del dibattito sul futuro del trasporto e della sicurezza stradale.

Tutto ciò che è smart city ha detto Lavolta parte dal presupposto che ogni decisione delle amministrazioni locali sia ancorata ad una puntuale conoscenza dei dati, solo così si può rispondere con competenza e lungimiranza al territorio e raggiungere appieno gli obiettivi imposti dalla Commissione europea.

Le attività svolte dal Comune di Torino in materia di programmazione e attivazione di tutti gli strumenti normativi e operativi per la sistematizzazione del trasporto pubblico locale, della viabilità e della mobilità sostenibile sono state al centro delle relazioni tecniche.

Partendo dallassunto che smart è ragionare su paradigmi condivisi valorizzando limportanza della socializzazione dei dati, in merito ai trasporti intelligenti è necessario che le realtà enti locali si scambino informazioni e buone pratiche, ha detto Rossella Panero, Presidente TTS Italia (Associazione Nazionale per la Telematica Trasporti e Sicurezza).

In questo senso, Torino è da vent'anni un incubatore di smart city relativamente a questo settore, ha aggiunto Panero che parlando dei sistemi TTS impiegati nellerogare servizi ai cittadini, sia per il trasporto pubblico, sia per il traffico privato, ha ribadito come il capoluogo piemontese rappresenta un modello che ci auguriamo possa in qualche modo essere replicato anche in altre città di Italia.

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.