• Home
  • TURISMO
  • IMU, tra pagamenti e rimborsi Torino resta tra le città più care

IMU, tra pagamenti e rimborsi Torino resta tra le città più care

ImuCari abitanti di Torino, quanto costa vivere all’ombra della Mole? Osservare gli splendidi monti innevati che riflettono la luce dell’alba? Passeggiare in riva al Po e scrutare la suggestiva Superga che impreziosisce l’orizzonte? Godere delle bellezze paesaggistiche che rallegrano lo sguardo e il cuore? Tutto questo risulta essere, purtroppo, molto caro.

Proprio qualche giorno fa, il ministero ha diffuso i dati che danno il capoluogo piemontese al venticinquesimo posto, tra i comuni italiani, come incasso dell’IMU! Nella favolosa cittadina sabauda la spesa media per l’imposta tanto discussa è stata di 474,84 euro, mentre a Milano “soltanto” 292 euro, a Napoli 378,8 euro, 295 a Firenze, 210 a Venezia. Tra i capoluoghi di provincia, solo Roma è più cara, con una media di 537 euro. E queste sono solo le medie riferite alla prima casa. Per i fortunati possessori di una seconda abitazione la media sale a 918 euro. In totale, il gettito nelle casse comunali è stato di 170 milioni di euro per la prima casa e 404 milioni per la seconda. Il motivo per cui pagare l’IMU a Torino risulti così costoso è da ricercare nell'aliquota che il comune ha deciso di applicare: 5,75 per mille contro il 4, ad esempio, del primo cittadino di Milano, Giuliano Pisapia.  Sulla seconda casa, invece, sia Torino che Milano, hanno stabilito un'aliquota massima del 10,6 per mille. 

Se facciamo riferimento alla media della spesa IMU degli abitanti dei comuni che si estendono sull'incantevole collina torinese, le cifre lievitano ancora di più. In particolare Pecetto (687 euro di media per la prima casa) e Pino (619 euro), famose per le splendide abitazioni inserite in contesti da favola, sono tra i primi cinque comuni di tutta Italia.

Cari amici, non disperate, questi soldi potrebbero essere di nuovo vostri. Cominciate a prenotarvi una vacanza, fatevi un bel regalo, andate a cena fuori e portate gli amici. Non c’era stato, in campagna elettorale, qualcuno che aveva promesso il rimborso di tutti questi soldi? Bene, ora, questo desiderio, grazie ai risultati di queste strane elezioni, potrebbe diventare reale. Fossi in voi, farei molta attenzione alle evoluzioni in Parlamento e incrocerei le dita.

Fossi in voi... Io, nel dubbio, ordino una pizza. É più economica. 

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.